Apologia dell’archivista

Da settembre di quest’anno ho avuto l’occasione di intervistare, all’interno di una trasmissione radiofonica che curo, alcuni storici. Ogni settimana, con i miei due colleghi conduttori e l’intervento di uno storico, abbiamo approfondito un tema che personalmente ritengo di forte attualità: il legame tra storia e identità. Il titolo del ciclo di trasmissioni è (usoContinua a leggere “Apologia dell’archivista”

Il coraggio della laicità

La settimana scorsa, il 16 ottobre, è stato ucciso Samuel Paty, un insegnante di un istituto superiore francese. Ad ucciderlo è stato un ragazzo diciottenne di nome Abdullakh Anzorov. L’omicidio è avvenuto in strada. Successivamente all’omicidio, il ragazzo è stato ucciso dalle forze dell’ordine. Questa è la notizia. Poi c’è il resto: ossia tutto quelloContinua a leggere “Il coraggio della laicità”

La città e lo spacciatore

Da un po’ di giorni – con la fine dell’estate – mi capita di passeggiare per il centro della città ripopolato dagli studenti fuori sede e da famiglie assetate di saldi di fine stagione. Ho vissuto per molti anni ignaro di cosa fosse la città in alcune ore del giorno, quelle solitamente da me dedicateContinua a leggere “La città e lo spacciatore”

I nuovi censori e Gian Butturini

La Rete, immenso padiglione fieristico per espositori organizzati e/o solitari, sta generando nuovi mestieri. O meglio, nuove occupazioni più o meno economicamente remunerate. Se i soldi non arrivano, queste occupazioni rappresentano di certo una fonte di godimento individuale per il riconoscimento ampio che possono ricevere raccogliendo migliaia di like sui social. Nell’ipercomunicazione nella quale siamoContinua a leggere “I nuovi censori e Gian Butturini”

Marc Bloch, le false notizie e le fake news*

In tempi ormai lontani – era il 1921 – lo storico Marc Bloch scriveva di false notizie. Che, traducendo, forse sono quelle che noi oggi chiamiamo: fake news. Lo storico francese trattava di false notizie rivolgendo la sua attenzione al conflitto bellico mondiale al quale aveva partecipato come Ufficiale di fanteria combattendo sul fronte occidentale.Continua a leggere “Marc Bloch, le false notizie e le fake news*”

L’imbroglio culturale del burn out

E’ uscita recentemente un’edizione aggiornata de La società della stanchezza di Byung-Chul Han. Al testo uscito in Italia nel 2012 l’autore ha aggiunto un’appendice con due nuovi scritti: “La società del burn out” e “Tempo solenne”. Per il tema, che mi sento di inquadrare nell’ambito della clinica del sociale, provo ad esprimere alcune riflessioni sulContinua a leggere “L’imbroglio culturale del burn out”

I re-censori doppio 0

Doppio zero è una tipologia di farina, ma è anche un sito ormai conosciuto da tanti che – in cerca di risposte su internet rispetto al senso delle loro giornate passate on line – trovano spunti interessanti per fare sera. Il parterre di questa rivista on line è veramente ricco. Nomi di un certo livello:Continua a leggere “I re-censori doppio 0”

Ripartire dalla proprietà sociale

In questa fase storica, la proprietà di sé non dovrebbe avere la peggio sulla proprietà privata. Se ciò avvenisse significherebbe dover riconoscere che nel nostro Paese, dal dopoguerra ad oggi, non si è costruita una proprietà sociale alla quale ogni cittadino può fare riferimento per ritrovare la proprietà di sé quando questa è messa inContinua a leggere “Ripartire dalla proprietà sociale”

Il ritorno dell’ideologia

Fase 2: ritornare all’ideologia. In questi giorni hanno asportato la cistifellea ad un mio amico. Descrivendomi l’operazione mi dice che ci sono state complicazioni dovute al fatto che la sua cistifellea era da parecchio che non svolgeva il suo mestiere e se ne stava lì, nella pancia del mio amico, senza far niente se nonContinua a leggere “Il ritorno dell’ideologia”