Stati di agitazione

La trasmissione radiofonica “Tutta la città ne parla” di Radio 3 andata in onda il 19 agosto* è stata dedicata al caso di Elena Casetto, ragazza di 19 anni morta il 13 agosto nell’incendio di una camera del reparto di psichiatria dell’ospedale di Bergamo. Questa ragazza è morta nel letto al quale era stata legataContinua a leggere “Stati di agitazione”

Dalla dromomania a Genny “Barabba”

In un testo ora abbastanza difficile da reperire dal titolo: “I viaggiatori folli. Lo strano caso di Albert Dadas”, Ian Hacking, filosofo canadese vicino al pensiero di Foucault, affronta il tema delle sindromi psichiatriche cosiddette transitorie. Transitorie, per capirci meglio, sta per storicamente inquadrate nello spazio e nel tempo. E’ evidente che la scelta delContinua a leggere “Dalla dromomania a Genny “Barabba””

Post Bibbiano

Qualche giorno fa, la rivista on line “ZIC – zero in condotta”*, preziosa testata del panorama informativo bolognese, puntualmente segnala quanto raccolto dal sindacato COBAS sulle aggressioni sul posto di lavoro agli operatori e operatrici dei servizi che si occupano di minori. Aggressioni che avvengono a seguito delle campagne di informazione e disinformazione sul “casoContinua a leggere “Post Bibbiano”

Fenomenologia del panino

Che cosa si nasconde dietro la sentenza della Cassazione che vieta per legge il panino a scuola? Il panino è la metafora del libero arbitrio? E la minestra uguale per tutti della mensa è il simbolo dello stato padrone  e della sua offerta scolastica in tutto e per tutto omogeneizzata? Noi siamo quello che mangiamo,Continua a leggere “Fenomenologia del panino”

Educatore,dove sei?

Alcune settimane fa ho vissuto un’esperienza che definirei nostalgica. In occasione della presentazione di un libro che mi pare trattasse di stress e burn out nel lavoro sociale, testo frutto dell’esperienza di uno sportello di ascolto psicologico, ho avuto l’occasione di ascoltare la parola di quelli che per molti anni sono stati miei colleghi: gliContinua a leggere “Educatore,dove sei?”

La parola agli esperti

Mi ha sempre sorpreso come di fronte ad un fatto di cronaca e gli strascichi che quel fatto si porta dietro, i media sentano la necessità di rivolgersi agli esperti. Gli esperti in tv hanno di solito un camice o una giacca e la cravatta, insegnano qualcosa da qualche parte (una università qualsiasi) e preferibilmenteContinua a leggere “La parola agli esperti”